G&G_Il nostro inizio.jpg

Giuliano&Giusy Marelli, 2 nomi che sono sempre rimasti uniti nel lavoro cosi come nella vita, una storia d’amore e di maglia lunga 50 anni che è, senza dubbio, la chiave del loro successo e della loro felicità. 

“Io e Giusy, nel 1969, siamo partiti da zero, io grafico, lei apprendista in un atelier di maglia su misura, insieme e all’inizio per gioco, abbiamo dato vita a creazioni nelle quali lei riusciva, con la sua piccola macchina da maglieria “pinguin”, a realizzare tutto ciò che io progettavo, dopo avermi insegnato i trucchi del lavoro a maglia e dell’uncinetto e da all’ora, nulla è più cambiato”.


G&G_Biki.jpg

Racchiusi modelli e speranze in una valigia, iniziammo a presentare le nostre creazioni nelle boutique di pret-a-porter di via Montenapoleone a Milano, fino ad essere accettati da Donna Biki che scelse alcuni modelli da esporre nel suo prestigioso negozio. Piccoli passi in questo mondo per noi nuovo, fino ad approdare sulle passerelle di alta moda di Roma nel 1970, realizzando modelli per l’atelier di Biki con il nostro marchio Gitricot, sconosciuto ai più, ma che incuriosì la stampa del settore e segnò il nostro ingresso nella moda e nella maglia e la successiva avventura creativa, correva l’anno 1971.


Iniziarono così collaborazioni con creazioni di modelli e spiegazioni per testate femminili e di settore come Bella, Gioia ed RM1. “Matrimoni di lavoro” per la promozione dei filati con Filpucci, Filatura di Grignasco, Lane Patons del gruppo Coats. Nel 1973 il gruppo Coats ci convocò proponendoci di fondare il “Punto, centro di orientamento moda”, una palestra creativa di tutto ciò che un filo potesse rinnovare e reinterpretare nel mondo un po' affannato del settore. Ne scaturì un successo lungo 8 anni al di sopra di ogni aspettativa, che cambiò ancora una volta e radicalmente la nostra vita. In questo periodo, con la nostra consulenza, nacquero testate come Brava, Milleidee, Benissimo e Gioielli di Rakam e iniziò la nostra collaborazione anche alle grandi opere collezionabili della Fabbri Editore.


In seguito “Filatura di Grignasco” fu per noi la collaborazione di maggior successo e impegno che ci coinvolse dal 1981 per la durata di 30 anni, che conto’ redazioni di editoriali su decine di testate di settore, sfilate a Milano, Firenze e nelle maggiori fiere del settore in Asia ed Europa. La creazione di filati, la stesura di centinaia di cartelle colori, lo studio di nuovi punti con la pubblicazione dei nostri libri “Cento nuovi punti a maglia” e “Cento jacquard da tutto il mondo”, poi la partecipazione a Pitti Filati, prima come espositori di modelli, poi in commissione di studio tendenze moda della manifestazione; il tutto intrecciato con gli eventi della nostra vita di coppia, come il nostro matrimonio e la nascita dei nostri figli.


La ricerca fatta su richiesta del Governo Irlandese per lo sviluppo della maglieria locale, durata 2 anni, ci ha fatto scoprire il mondo dei Punti Aran, dei quali storia e simbologia ci hanno affascinati a punto tale da non averli mai abbandonati. Negli anni si sono poi susseguite collaborazioni stilistiche per grandi aziende di maglieria industriale come Yves Saint Laurent Uomo, Anne Claire, Rolls & Anton Sport, Imec, Gruppo Finanziario Tessile, Valdoglio, Lanvin Uomo e molti altri, unitamente all'apertura del nostro Atelier a Milano. Questo, ampliandosi sempre di più, ha richiesto la nostra costante presenza ed energia per la creazione di corsi di maglia e uncinetto su misura strutturati in modo nuovo, sfociati poi nei primi Knitcafè presso la Triennale di Milano. A tutto ciò va aggiunto, da ben 10 anni, l'insegnamento della Maglia presso il Politecnico di Milano, agli alunni/e del terzo anno del corso di Laurea in Design della Moda, specializzazione maglieria e al Corso di Alta Formazione in Design della Maglieria presso Poli.design.


G&GM_Noi in atelier.jpg

Una vita intensa fatta di impegni, sacrifici e rinunce ricompensate da grandi soddisfazioni, a dimostrazione che passione e dedizione per il proprio lavoro portano sempre i loro frutti, e tutti questi sentimenti li mettiamo, ogni giorno, in ogni cosa che facciamo e pubblichiamo anche sui social network: Facebook e Instagram e sul nostro sito online, per condividerli con chi, come noi, ama la maglieria in tutte le sue forme.